Fibre alimentari, un toccasana per il corpo

Fibre alimentari e cereali integrali sono preziosi alleati della salute: una metanalisi della prestigiosa rivista The Lancet ha rivelato che l’assunzione di fibre e cereali integrali riduce del 15-30% la mortalità cardiovascolare e per tutte le cause, di coronaropatie, di incidenza e mortalità per ictus, di cancro del colon retto e di diabete mellito di tipo 2. Si riduce anche il rischio di cancro della mammella.

 

Fibre alimentari – Lo studio

Lo studio pubblicato da The Lancet si basa su una serie di marcatori che rivelano l’impatto di carboidrati di diversa qualità sulla salute. L’obiettivo del lavoro era di stabilire quale tra i vari marcatori avesse un potenziale predittivo utile per poter fornire raccomandazioni quantitative precise riguardo all’apporto di fibre con la dieta.
A tal fine, sono stati esaminati tutti gli studi prospettici pubblicati a partire dal 30 aprile 2017 e tutti i trial clinici randomizzati pubblicati dal 28 febbraio 2018 che si occupavano della qualità dei carboidrati e dell’incidenza di patologie non trasmissibili, mortalità e fattori di rischio.
Questo lavoro ha portato alla selezione di dati per circa 135 milioni di dati-paziente da 185 studi prospettici e 58 trial clinici su 4635 partecipanti che sono stati inclusi nelle analisi.

 

I risultati dell’analisi

I risultati dello studio hanno rivelato che i soggetti che assumono un elevato apporto di fibre alimentari riducono del 15-30% il rischio di mortalità cardiovascolare, nonché l’incidenza di coronaropatie, incidenza e mortalità per ictus, di diabete mellito di tipo 2, rischio di cancro del colon retto e di tumore della mammella, rispetto ai bassi consumatori di fibre.
Inoltre, è emerso che i maggiori consumatori di fibre presentano un peso corporeo, pressione sistolica e livelli di colesterolo decisamente inferiori rispetto a coloro che assumono meno fibre alimentari.

 

Quante fibre vanno assunte?

I maggiori benefici in termini di salute si riscontrano quando l’assunzione quotidiana di fibre è compresa tra i 25 e i 29 grammi.
Un apporto maggiore di fibre e cereali integrali potrebbe conferire benefici ancora più significativi nella prevenzione di patologie cardiovascolari, cancro del colon retto e cancro della mammella e diabete di tipo 2.
Per questo motivo, gli esperti raccomandano di aumentare il consumo giornaliero di fibre alimentari, sostituendo i cereali raffinati con quelli integrali e consumando frutta secca e abbondante frutta fresca e verdura, preferibilmente con la buccia.

 

LEGGI ANCHE

Le fibre degli agrumi utili nella cura del cancro »

Tumore al colon-retto: attenzione ai carboidrati »

Tumore al seno. Parola d’ordine: prevenzione »

Vero e falso sul colesterolo alto »

 

 

Reference

Andrew Reynolds, PhD, Prof Jim Mann, DM et al – Carbohydrate quality and human health: a series of systematic reviews and meta-analyses. The Lancet, January 10, 2019

 

 

 

 

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?