Alopecia cicatriziale

ABCDEFGHILMNOPRSTUVZ

L’alopecia cicatriziale non è una malattia ma la conseguenza di malattie del cuoio capelluto come la psoriasi, il lichen planus, il lupus eritematoso discoide e alcuni tumori. Anche ustioni, traumi, uso improprio di cosmetici, applicazioni di sostanze chimiche troppo aggressive, trattamenti che possono rompere i capelli (pettini caldi, spazzolature troppo energiche, permanenti e tinture troppo frequenti), eccessive trazioni come treccine troppo strette o coda di cavallo portata abitualmente ma anche infezioni batteriche, virali o fungine, come la comune tigna possono portare ad alopecia cicatriziale. Tutti questi fattori oltre a danneggiare la cute provocano un’alterazione della vitalità dei follicoli che gradualmente si atrofizzano provocando la caduta definitiva dei capelli, da soli o a ciuffi.
Tra le alopecie cicatriziali da trauma si può annoverare anche la tricotillomania ovvero l’abitudine neanche così rara di tirarsi in continuazione i capelli, attorcigliandoli: quando è eccessiva e continuativa porta facilmente al loro strappo e alla lesione, talvolta anche irreversibile, dei follicoli. Viene da tutti considerata come un’abitudine innocua, una sorta di vezzo, che magari risale all’infanzia ma alcuni psicologi affermano che per alcuni soggetti si tratta di un vero e proprio disturbo del comportamento dovuto a disagi affettivi, aggressività repressa nel corso della crescita. Nella maggior parte dei casi per fortuna il disturbo si risolve da sé.

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Italia S.r.l.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?