Capezzolo

ABCDEFGHILMNOPRSTUVZ

Il capezzolo è una protuberanza posta al centro dell’areola della mammella che contiene le aperture verso l’esterno dei dotti lattiferi.
È costituito da tessuto con capacità erettile, è formato dal segmento terminale dei dotti galattofori e da tessuto connettivo, dove scorrono fibre muscolari lisce, disposte sia in modo circolare che a raggiera, che si estendono nell’areola fino a formare il muscolo areolo-mammillare.

La forma del capezzolo è in genere conica o cilindrica; la sua altezza è di circa 1/1,5 cm., ma questa dimensione può variare anche parecchio da donna a donna.
Il capezzolo è rivestito di cute tipicamente rugosa, che consente l’estensione durante la gravidanza e l’allattamento.
Nelle donne con carnagione chiara, il capezzolo assume un colore rosaceo dovuto alla ricca vascolarizzazione presente all’interno delle lunghe papille dermiche, che si estendono in prossimità delle sua superficie. Durante la gravidanza, il capezzolo assume un colore più scuro a causa dell’aumento di pigmentazione di tutta l’areola.

Prima di raggiungere il capezzolo ogni dotto mammario presenta una dilatazione, detta seno lattifero, che viene utilizzata per immagazzinare il latte; nel tratto successivo, ciascun dotto si restringe nuovamente, raggiungendo così l’esterno.
Le abbondanti fibre muscolari lisce sono orientate in due modi: in maniera circolare attorno al capezzolo e a raggiera rispetto all’asse maggiore del capezzolo. La contrazione di queste fibre è responsabile dell’erezione del capezzolo.

 

 

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Italia S.r.l.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?