Episiotomia

ABCDEFGHILMNOPRSTUVZ

L’episiotomia è un’incisione chirurgica del perineo (pavimento pelvico) che viene spesso eseguita all’inizio del periodo espulsivo ovvero durante la fase in cui si verifica il passaggio del feto attraverso il canale del parto. Lo scopo è duplice:

  • accelerare l’espulsione della testa del feto (per esempio quando è di grandi dimensioni ma anche in altre situazioni) aumentando il diametro della vulva
  • impedire l’eccessiva sovradistensione (e di conseguenza la possibile lacerazione) dei tessuti materni.

All’intervento di episiotomia, che è preceduto da un’adeguata anestesia locale si ricorre spesso nei casi di donne al primo parto; con minore frequenza, invece, per tutte le donne che abbiano già partorito almeno una volta.
La decisione se praticare o meno l’episiotomia dipende in genere dal giudizio dell’ostetrica/o; la frequenza è condizionata, quindi, dalla struttura in cui si svolge il parto. Eseguire l’episiotomia è però obbligatorio nel parto “operativo” quando cioè si rende necessario aiutare l’espulsione del feto con la ventosa ostetrica.

L’incisione dell’episiotomia può essere laterale o mediana. Il trattamento post-operatorio consiste nella disinfezione più volte al giorno e nell’accurata igiene e asciugatura fino alla rimozione del filo di sutura che in genere avviene intorno al 5° giorno. I rapporti sessuali possono riprendere dopo la cicatrizzazione completa che avviene in genere dopo alcune settimane dal parto.

 

 

 

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?