Estrogeni

Scritto in Glossario


  1. A
  2. B
  3. C
  4. D
  5. E
  6. F
  7. G
  8. H
  9. I
  10. J
  11. K
  12. L
  13. M
  14. N
  15. O
  16. P
  17. Q
  18. R
  19. S
  20. T
  21. U
  22. V
  23. W
  24. X
  25. Y
  26. Z

Gli estrogeni rappresentano gli ormoni femminili per eccellenza. Hanno una struttura simile, cosiddetta steroidea, caratterizzata da 4 anelli con una particolare disposizione (vedi figura a lato).

Struttura steroidea di base di un ormone estrogeno con i 4 anelli caratteristici.

Gli estrogeni sono escreti principalmente dalle ovaie, soprattutto nella prima fase del ciclo mestruale (fase follicolare o  proliferativa) e in minima parte anche dalle ghiandole surrenali (ghiandole poste sopra ai reni; producono vari ormoni che influenzano il metabolismo e la risposta allo stress). Gli estrogeni che si ritrovano con maggiore frequenza nella donna sono l’estradiolo e l’estrone.

 Gli estrogeni sono ormoni, ovvero sostanze che una volta prodotte, passano nel circolo sanguigno e svolgono una o più azioni su organi lontani, definiti organi bersaglio. Ovaie, utero e mammella, che giocano ruoli fondamentali nella riproduzione sessuale, sono tre dei principali organi bersaglio degli estrogeni (vedi figura). Questi ormoni agiscono anche su cute e annessi cutanei, cervello, ossa, fegato, cuore e circolazione svolgendo e regolando innumerevoli processi.

Principali organi bersaglio degli estrogeni.

Gli estrogeni agiscono sugli organi bersaglio legandosi – con un meccanismo che si può definire del tipo chiave-serratura – a piccole parti specifiche presenti nelle cellule: i cosiddetti recettori per gli estrogeni.

Un recettore per l’estrogeno è in parole semplici una proteina che si trova all’interno solo di quelle cellule che rappresentano cellule bersaglio per l’attività dell’ormone estrogeno. Le proteine recettoriali contengono un sito specifico al quale soltanto gli estrogeni possono legarsi e pochissime altre molecole strettamente correlate. Tutti gli organi bersaglio su cui gli estrogeni agiscono contengono i recettori per questi ormoni, in quantità più o meno elevate in base alle necessità; altri organi e tessuti del corpo su cui gli estrogeni non agiscono non posseggono i recettori.

Quindi, quando le molecole di ormoni estrogeni circolano nel sangue e si spostano attraverso tutto l’organismo, esercitano i loro molteplici effetti in modo mirato, ovvero soltanto sulle cellule che contengono i recettori specifici per loro.

Pinterest