Mastoplastica

ABCDEFGHILMNOPRSTUVZ

La mastoplastica è un intervento chirurgico finalizzato alla ricostruzione o al rimodellamento plastico del seno. Il ricorso a questo intervento può essere dovuto a problemi fisici, psicologici (complessi, frustrazioni etc) e sociali.
Tra le principali indicazioni alla mastoplastica vi sono:

DONNA

  • seno molto voluminoso (ipertrofia mammaria) che può creare problemi estetici, psicologici e a causa del peso, anche di equilibrio della colonna vertebrale
  • seno cadente (ptosi mammaria) di natura congenita o acquisita (gravidanza, allattamento prolungato, dimagrimento importante)
  • seno molto piccolo o con aspetto “svuotato” (ipotrofia mammaria) di natura congenita oppure conseguente a gravidanza, dieta dimagrante troppo drastica.
  • spiccata asimmetria mammaria (dimensioni nettamente differenti delle due mammelle)
  • ricostruzione del seno dopo intervento di ablazione per tumore alla mammella

 

UOMO

  • abnorme sviluppo delle ghiandole mammarie (ginecomastia) dovuto a un’anomalia endocrina o a un tumore

 

 

Preparazione all’intervento

L’intervento chirurgico di mastoplastica va preceduto da uno o più colloqui con il chirurgo che dovrà accertare la fondatezza della richiesta e le potenziali ripercussioni a livello psicologico nonché stabilire insieme alla persona interessata la soluzione chirurgica migliore tra le varie procedure oggi possibili. La mastoplastica – quando sussistano motivazioni evidenti – può essere praticata a qualsiasi età e viene realizzata in anestesia generale.  La durata della convalescenza è variabile, sulla base dell’intervento, da una settimana a un mese o più.
Nelle persone con obesità che sono state in precedenza operate per la riduzione del peso (chirurgia bariatrica), l’intervento di mastoplastica può essere eseguito dopo che si è raggiunti un peso stabile. In genere deve passare un periodo di almeno un anno.

 

Possibili complicanze

In casi rari possono svilupparsi delle complicanze come un ematoma (che richiede lo svuotamento chirurgico se non si riduce in modo spontaneo) o un’infezione, che può portare al rigetto del filo di sutura o alla formazione di un vero e proprio ascesso (che richiede il drenaggio chirurgico).
Talvolta dopo l’intervento, possono essere visibili inestetismi cutanei come cicatrici rosse, spesse o larghe: questo è dovuto al fatto che la capacità di cicatrizzazione della cute del seno è estremamente variabile da donna a donna ed è difficile prevederla prima dell’intervento. Questi inestetismi – quando possibile – vengono trattati con un secondo intervento dopo almeno 6 mesi-1 anno dal primo.
Negli ultimi anni la mastoplastica è entrata a far parte a pieno titolo del percorso di cura del tumore al seno (carcinoma della mammella) consentendo alla donna di riprendere una qualità di vita del tutto normale.

 

 

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?