Prolattina

ABCDEFGHILMNOPRSTUVZ

La prolattina è l’ormone ipofisario (LTH dall’inglese Luteotropic Hormone) deputato per eccellenza allo sviluppo della mammella e ad avviare e mantenere la produzione del latte materno (lattazione).

Sebbene il lobo anteriore dell’ipofisi rappresenti la principale fonte di prolattina, questo ormone viene sintetizzato e rilasciato da molte altre cellule nell’organismo, tra cui cellule del sistema immunitario, del cervello e della membrana decidua dell’utero di una donna gravida.

La secrezione di prolattina è pulsatile, con variazioni diurne, aumento dei livelli durante il sonno e picchi di riduzione tre ore prima della sveglia. I livelli di prolattina aumentano in situazioni di stress e nella donna sono correlati ai livelli di estrogeni. Studi recenti hanno dimostrato che le donne che manifestano dolorabilità alle mammelle (mastodinia) nella settimana che precede il flusso mestruale (sindrome premestruale) presentano livelli più elevati di prolattina rispetto alle altre donne.

Le mammelle sono un organo bersaglio della prolattina, che ad ogni ciclo stimola il tessuto mammario a proliferare in previsione di un’eventuale gravidanza (infatti il seno appare più turgido e gonfio in vicinanza delle mestruazioni); se i livelli dell’ormone sono troppo elevati (iperprolattinemia) la stimolazione delle mammelle diventa eccessiva e compaiono dolore e una fastidiosa sensazione di tensione al seno, sintomi tipici della sindrome premenopausale.

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?