Ragazze sempre più precoci e sempre meno informate

La prima volta si consuma… sempre prima. Con leggerezza, pericolosa disinvoltura. Qualche anno fa si parlava di un’età media per il primo atto sessuale di 17 anni e già allora gli esperti puntavano il dito contro tanta precocità, non accompagnata né da una maturazione sessuale psicofisica sufficiente, né da un’informazione adeguata in tema di prevenzione e di MTS, cioè le Malattie a trasmissione sessuale (che, non a caso, hanno continuato a diffondersi a macchia d’olio proprio tra le giovanissime). Oggi l’età della scoperta del sesso è letteralmente scesa in picchiata: 1 ragazza su 5 ammette di aver vissuto la sua prima volta addirittura a 13 anni e, tra i 15 e i 16 anni, il 25% delle adolescenti confessa di aver già avuto i primi rapporti sessuali. Peccato che – sebbene la maggioranza delle intervistate riconosca il preservativo come strumento chiave per prevenire le MTS – “solo” 3 su 4 lo utilizzerebbe sempre e 1 su 5 solo in caso di rapporti occasionali.

MTS, queste sconosciute
Non parliamo, poi, del livello di conoscenza sulle MTS: ben il 18% delle ragazze intervistate, per esempio, ignora il fatto che il canale principale di trasmissione dell’HIV (il virus responsabile dell’Aids) siano proprio i rapporti sessuali, così come solo il 14% sa che la Clamidia (tra le MST più diffuse tra le under 25 e responsabile di sterilità se non curata tempestivamente) è un’infezione sessuale. Le cose non vanno meglio se, dal particolare delle MTS, si passa al generale della salute femminile: ben la metà delle giovanissime, per esempio, è del tutto inconsapevole del fatto che il sesso debole lo sia davvero sul fronte delle malattie sessuali, così come una buona fetta del campione è all’oscuro del fatto che molte infezioni intime sino del tutto silenziose e che alcune di esse rappresentino un serio pericolo per la salute sia dell’apparato riproduttivo sia dell’organismo.

Più precocità, più rischi per la salute
L’età sempre più bassa della prima volta e la cronica disinformazione in tema di malattie sessuali formano un binomio esplosivo, che ben spiega la ragione per la quale le MST mietono un numero sempre maggiore di vittime proprio nella fascia di età compresa tra i 15 e i 25 anni. L’i gnoranza, in questo caso, si paga cara in termini di salute riproduttiva, perché tra le infezioni sessuali più diffuse c’è la Clamidia, che nella maggior parte dei casi “lavora” in sordina, senza dare alcuna manifestazione di sé, e che è causa di sterilità. D’altra parte, oltre alla cattiva informazione, le adolescenti rischiano di più per un doppio motivo: a questa età, l’organismo femminile non può ancora contare sulle difese naturali che proteggono le donne adulte e, anzi, subisce una serie di trasformazioni che lo espongono a un pericolo di infezione più elevato; a questa età, spesso le ragazze sono ancora psicologicamente immature, si sentono onnipotenti, immuni da qualunque malattia o rischio (“perché dovrebbe succedere proprio a me?”). Si buttano in rapporti occasionali senza pensarci due volte, magari perché lo fa l’amica del cuore, non hanno il coraggio (o la volontà) di imporre il preservativo al partner di turno, vivono il “qui e ora” come se fossero donne navigate, come se avessero tutto sotto controllo, mentre in realtà sono ancora bambine che stanno camminando su una corda.

Toc-toc: genitori e scuola, dove siete?
Il quadro poco edificante disegnato dall’indagine O.N.D.a induce a chiedersi: come mai, a Terzo Millennio inoltrato, le “nostre” adolescenti così “avanti” nella sfera sessuale sono rimaste così indietro quanto a informazioni e a tutela della propria salute? Non si può non chiamare in causa la famiglia, certo. Secondo molti studi, i genitori sono i primi a latitare completamente sul tema della sessualità: non ne parlano, non sanno come affrontare l’argomento e spesso non ne sanno più delle loro figlie. Ma anche la scuola potrebbe fare molto di più. È tra le mura scolastiche, infatti, che quasi l’80% delle ragazze dell’indagine riceve la maggior parte delle informazioni in campo sessuale e per oltre la metà la scuola resta la fonte preferita di “sapere” sul sesso. Tuttavia, per molte giovanissime il principale punto di riferimento in questa materia delicata è il ginecologo: ed è a questa figura che occorre rivolgersi subito, cioè fin dai primi rapporti sessuali, ricordandosi poi di “fargli visita” periodicamente se si è sessualmente attive. Senza dimenticare i consultori o i centri per le malattie sessuali, presenti in tutta Italia: molte ragazze ignorano addirittura la loro esistenza, eppure rappresentano un’ottima alternativa alla visita privata dal ginecologo o a genitori un po’ assenti…

 

A cura di: Alma Galeazzi

 

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?