Contro il Papillomavirus è già stato vaccinato il 60% delle dodicenni

Durante il convegno ‘La vaccinazione tra diritto e dovere: quale comunicazione per facilitare la scelta?’, organizzato da Donneinrete presso l’Istituto Superiore di Sanità, sono stati presentati i dati, aggiornati al primo semestre del 2010, relativi alla copertura del ciclo completo di immunizzazione (tre dosi di siero) contro il Papillomavirus umano. L’Hpv, il Papillomavirus, è considerato la principale causa di tumore dell’utero. Delle ragazze nate nel 1997, la prima coorte che ha potuto godere dell’offerta sistematica di vaccinazione in tutto il territorio nazionale, è stato vaccinato il 60% e l’obiettivo entro il 2013 è di arrivare a una copertura del 95% con le tre dosi di vaccino. L’attuale copertura del 59% è il risultato della media fra regioni come la Basilicata, dove è stata avviata la campagna nel 2007 e dove arriva all’80%, al 34% della Sicilia, al 27% della Provincia autonoma di Bolzano, al 78% di Puglia e Toscana. Come ha spiegato il direttore del Centro di Epidemiologia, sorveglianza e prevenzione della salute dell’Iss (Istituto Superiore di Sanità) Stefania Salmaso: «Le forti differenze fra le regioni ci spiegano che l’attività locale, la parte organizzativa e la comunicazione fanno la differenza. È una nuova vaccinazione e non ci aspettiamo che raggiunga subito gli obiettivi; rappresenta un ‘banco di prova per la Sanità pubblica».

 

Fonte: Adnkronos.com, 11 gennaio 2011

eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?