Depressione post partum: indivituati i geni responsabili.

24 maggio 2013

Diagnosticare la depressione post partum potrebbe essere possibile. È quanto emerge da una ricerca condotta da Zachary Kaminsky, psichiatra della Johns Hopkins University School of Medicine di Baltimora, che individuato due geni, TTC9B e HP1BP3, legati al funzionamento dell’ipotalamo, area del cervello legata all’umore, che alterandosi durante la gravidanza sembrano anticipare la depressione post partum.

Individuati i geni responsabili della depressione post-partum - EsseredonnaonlineIl cosiddetto baby blues colpisce il 10-18% di tutte le donne ed è una condizione durante la quale le donne provano tristezza, ansia, disperazione e stanchezza; e la sua comparsa comincia nell’ultimo mese di gravidanza e può durare fino ad un anno.

Lo studio, pubblicato sulla rivista Molecular Psychiatry, ha coinvolto 52 donne in gravidanza alle quali è stato effettuato, attraverso un’analisi del sangue, uno screening genetico su migliaia di geni per isolare i fattori genetici che alzano il rischio del disturbo.Questi fattori sono stati identificati proprio nell’alterazione dei due geni TTC9B e HP1BP3: questa scoperta permetterebbe di prevedere la depressione post partum con l’85% di certezza.

“Questi geni – ha spiegato Kamnsky – hanno a che fare con la creazione di nuove cellule nell’ippocampo e con la capacità del cervello di riorganizzare e adattarsi di fronte a nuovi ambienti, due elementi importanti per l’umore. In qualche modo gli estrogeni possono comportarsi come un antidepressivo, in modo che quando inibiti, colpiscano negativamente l’umore”.
“Siamo stati  molto sorpresi da come i geni fossero correlati con la depressione post partum”, continua Kaminsky. “Con ulteriori ricerche, questo potrebbe rivelarsi un potente strumento”.

Questa scoperta potrebbe quindi portare alla messa a punto di un esame del sangue per predire il rischio per la neomamma di soffrire di questo disturbo; un esame che si andrebbe ad aggiungere alla serie di test cui le donne in gravidanza si devono sottoporre e che permetterebbe di intervenire tempestivamente contro la depressione.

Se presi in tempo gli effetti della depressione post partum possono essere limitati. Lo studio, che comprende anche i bambini, ha infatti dimostrato che la depressione post partum non colpisce solo la mamma ma anche la salute psico-fisica del bambino.

Fonte AGI 22/05/2013
A cura di
Simona Forti

Pinterest

  

Tags: ,

15528
Thanks!
An error occurred!
Vota questo articolo

 

Print

Email
Print