Inquinamento ambientale, come incide sulla salute respiratoria?

Inquinamento ambientale, come incide sulla salute respiratoria?L’inquinamento ambientale incide negativamente sulla salute respiratoria, anche e soprattutto dei bambini, come dimostrato da un studio pubblicato di recente sulla rivista Blue Journal e condotto da un team di ricercatori nell’area di Boston.
Al centro dell’analisi, la salute respiratoria di 614 bambini, nati tra il 1999 e il 2002 e seguiti dalla nascita all’età di 7 anni, attraverso visite mediche e spirometrie con test di bronco reversibilità per valutare i reali effetti dell’inquinamento veicolare sulla loro salute.
Per ogni bambino, è stata presa in esame la distanza dalla più vicina grande arteria stradale e sono state stimate le esposizioni sia al particolato fine (PM2,5) che alla polvere di carbone (BC) nel primo anno di vita, nell’anno precedente la visita e nel corso di tutta la vita.
I risultati degli esami medici hanno evidenziato una riduzione del FEV1, il volume respiratorio forzato, e del FVC, la capacità vitale forzata, che, secondo gli autori dello studio, rappresenta la conseguenza diretta della vicinanza alle principali vie di comunicazione e dell’esposizione prolungata agli inquinanti sullo sviluppo polmonare in età pediatrica.
Anche se sensibilmente ridotto, l’inquinamento veicolare è ancora una minaccia importante per la salute respiratoria soprattutto dei più piccoli.
Ad ulteriore conferma, i dati dell’OMS:

  • 1 morte su 4 a livello mondiale è causata da fattori di rischio ambientali legati al luogo in cui si vive o si lavora;
  • Nel 2012, l’esposizione alle polveri sottili è costata la vita a 1,4 miliardi di persone solo in Europa.

I soggetti più esposti a rischi rimangono i bambini, al di sotto dei 5 anni, e in misura minore fino a 10; seguono gli adulti di età compresa tra i 50 e i 75 anni.
Sebbene sia già stato fatto molto per ridurre i rischi legati all’inquinamento ambientale è fondamentale che le amministrazioni continuino a lavorare per realizzare una corretta pianificazione urbanistica e un continuo controllo della qualità dell’aria per difendere la salute dei bambini: il miglioramento delle circolazione urbana, una buona pianificazione dell’assetto urbano e la costruzione di abitazioni dotate di un efficiente sistema energetico, sono alcune delle manovre necessarie che contribuirebbero a diminuire le malattie legate all’inquinamento dell’aria.
L’OMS, è impegnata in prima linea a collaborare con i Paesi per lo sviluppo di politiche mirate a ridurre l’inquinamento dell’aria, sia all’esterno che all’interno delle abitazioni.
A cura di Simona Forti
Fonte: Rice MB. et al. Lifetime Exposure to Ambient Pollution and Lung Function in Children. Am J Respir Crit Care Med. 2015 Nov 17.

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?