Le abitudini alimentari peggiorano di sera

La giornata  comincia sempre con i buoni propositi, ci alziamo fermi e determinati nella scelta di un alimentazione sana.
Poi subentra la stanchezza e la motivazione va scemando: la sera infatti tendiamo  a lasciarci andare alle  tentazioni o alle cattive abitudini, a partire dalla cena.  Almeno questo è quanto  emerso da uno studio condotto dalla startup americana Massive Health che ha censito le abitudini alimentari espresse da oltre 500mila pasti consumati in 50 paesi diversi.
Sembrerebbe che il peggioramento della qualità del cibo con cui ci nutriamo sia direttamente proporzionale allo scorrere del tempo di una giornata.

In pratica, in quasi tutti i Paesi sviluppati, solo  la colazione corrisponderebbe ai criteri di pasto sano, equilibrato e con il giusto apporto calorico. Progressivamente, con l’avvicinarsi della sera, le persone dimenticano queste sane abitudini e a prediligono alimenti ipercalorici e ricchi di grassi.

Molto interessante è stato il modo con cui la Massive Health ha raccolto i dati su un territorio molto vasto: attraverso l’applicazione per iPhone Eatery. Questa applicazione, studiata per calcolare le calorie di un pasto, permette agli utenti di segnalare cosa hanno mangiato durante il giorno, e anche il luogo in cui il pasto è stato consumato, esprimendo un voto riguardo le sue caratteristiche salutari.
In questo modo quotidianamente centinaia di persone in tutto il mondo possono creare in tempo reale una sorta di indice di buona o cattiva condotta alimentare.

Con i dati raccolti l’app crea un’infografica geolocalizzata che permette di individuare a colpo d’occhio le abitudini alimentari nel mondo attraverso indicazioni cromatiche,  che sfumano dal verde al rosso, a seconda del pasto più o meno equilibrato.
“Dopo 5 mesi di studio – ha detto Aza Raskin fondatore della startup – possiamo affermare che la nostra alimentazione peggiora in modo costante nell’arco delle 24 ore. L’indice di peggioramento è del 1,7% per ogni ora a partire dalla colazione”.
Lo studio dimostra inoltre che praticamente ovunque la prima colazione è considerata il pasto più importante e quindi consumato con attenzione e in maniera completamente sana. Difatti entro le 10 della mattina è difficile trovare un pallino rosso sulla mappa, che invece comincia a macchiarsi di giallo già per pranzo per poi essere quasi completamente sovrastata dal rosso e arancione appena passata la mezzanotte: ora di punta per il cibo spazzatura.
Secondo i più recenti studi pubblicati su Pnas, la rivista dell’Accademia nazionale statunitense delle Scienze, la spiegazione di questo comportamento risiederebbe nel controllo della nostra volontà che nelle ore diurne è più saldo, mentre cede in quelle notturne.
Tra tutti i Paesi però solo due si salvano da questo decadimento da cibo spazzatura: dai dati raccolti su oltre 7,6 milioni di voti dati ai pasti, i cittadini che raggiungono gli “Health Ratings” in assoluto più alti sono quelli brasiliani per l‘84,5% e quelli danesi con l‘89,3%.

Fonte: Corriere.it 4/12/2012

A cura di Simona Forti

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?