Mal di testa: l'origine nel sistema emotivo cerebrale

L’origine del mal di testa potrebbe dipendere da un’alterazione del nostro equilibrio omeostatico e quindi avere origine nel sistema emotivo cerebrale.

mal di testa come allarme emotivo- EsseredonnaonlineÈ quanto ha spiegato Gennaro Bussone, Presidente del congresso e Direttore del Dipartimento di Neuroscienze Cliniche del Besta durante il Seminario di apertura per il joint meeting tra North American Headache Cooperative del New England e ANICERF, l’Associazione Neurologica Italiana per la ricerca nelle cefalee.

Nel cervello gli impulsi nervosi periferici raggiungono un’area chiamata insula dove vengono ordinati in modo tale da generare quello che noi percepiamo come stato di normalità, ovvero l’omeostasi.

Quando questo equilibrio salta, l’insula informa la corteccia cingolare attraverso le emozioni; in questo modo il dolore acquista una qualificazione emotiva a cui ognuno risponde a suo modo in base alla propria personalità.

Il mal di testa quindi non sarebbe altro che un allarme emotivo che si attiva quando il nostro stato di “normalità” si altera.

Secondo l’esperto, chi ha una personalità passiva sviluppa emicrania e permette al dolore di sovrastare ogni cosa; chi invece è più reattivo e rifugge dal dolore svilupperà una cefalea a grappolo mettendo in atto una risposta detta di “attacco e fuga”.

I diversi tratti di personalità non influenzano solo il tipo di cefalea, ma anche l’efficacia del trattamento e il rischio di cadere nella cronicità e nell’abuso farmacologic0.

E se le cefalee costituiscono un allarme emotivo, in Italia sembrerebbe che, nonostante la crisi, resistiamo bene allo stress.

Abbiamo infatti una delle più basse percentuali di cefalea da stress: il 19,4% inferiore alla media delle altre nazioni europee, molto più simile a quella americana, e una delle più basse dei paesi occidentali.

Un gruppo di ricercatori delle Università di Parma e Palermo hanno aggiornato l’unico studio italiano sull’epidemiologia del mal di testa nel nostro Paese finora disponibile: il PACE study condotto nel 2008-2009 che riportava percentuali di cefalea past year (cioè nell’anno precedente all’indagine) del 52% per le donne e del 42.8% per gli uomini, mentre la cefalea lifetime, ovvero quanti hanno sofferto di mal di testa nell’arco della propria vita, riguarderebbe il 75,8% delle donne ed il 60,6% degli uomini.

Per l’emicrania i valori past-year erano invece superiori a quelli medi europei: 30.1% nelle donne e 12.1% negli uomini. 

Fonte ASCA 23/05/2013

A cura di Simona Forti

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?