Obesità giovanile e celiachia

Obesità giovanile e celiachiaUno studio condotto dal Dipartimento di Pediatria dell’Università La Sapienza di Roma su oltre 1500 bambini e ragazzi tra i 2 e i 24 anni con un peso oltre la norma, ha evidenziato una possibile interazione tra il glutine e il sovrappeso e/o l’obesità. I risultati dello studio, condotto eseguendo test sierologici per ricercare gli anticorpi anti-transglutaminasi tipici della celiachia, sono stati pubblicati sul Journal of Pediatric: Gastroenterology and Nutrition.
I risultati di tali screening avrebbero accreditato l’ipotesi dei ricercatori mettendo in evidenza, nella totalità del gruppo, una prevalenza di celiachia di oltre l’1%, pari a quella che si registra nella popolazione generale italiana.
“Lo studio ci ha permesso di comprendere come il morbo celiaco può associarsi anche in maniera diffusa nella popolazione pediatrica in sovrappeso – spiega Raffaella Nanna, pediatra e principale autrice della ricerca – e che una dieta priva di glutine, contestualmente ad un follow-up nutrizionale adeguato, può favorire la riduzione della sintomatologia, unitamente alla normalizzazione del peso nell’arco del tempo come dimostrato ai successivi controlli clinici”.
Lo studio ha inoltre messo in evidenza una serie di sintomi- oltre a quelli già noti come diarrea, costipazione, gonfiore e dolore addominale- da non sottovalutare e da considerare come veri e propri campanelli d’allarme.
Tra questi troviamo, soprattutto in età pediatrica: sovrappeso, stanchezza immotivata o frequente, irritabilità e scarsa capacità di attenzione.
Celiachia e obesità, soprattutto in età così giovane, pongono a questo punto un ulteriore problema: quello della dieta alimentare più corretta da seguire.
La classica dieta gluten-free, dopo una diagnosi di celiachia, non rappresenta però a tutti gli effetti né il mezzo né la soluzione finale per il controllo dei bambini in sovrappeso.
In caso di intolleranza al glutine – specifica la dottoressa – è bene impostare una dieta corretta e ad hoc con l’aiuto del nutrizionista” in quanto spesso, nei prodotti in commercio, la privazione del glutine viene compensata da un maggior quantitativo di zuccheri, grassi e proteine i quali, se in eccesso, risultano nocivi alla salute generale dell’organismo e in particolar modo in situazioni di necessità di controllo del peso.
A cura di Simona Forti
Fonte: Corriere Salute

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?