Osteoporosi: la prevenzione comincia fin da bambini

Osteoporosi: la prevenzione comincia fin da bambiniÈ pensiero comune che l’osteoporosi sia un problema associato esclusivamente all’invecchiamento; ma la prevenzione di questa patologia comincia fin dalla più tenera età: grazie ad un’adeguata alimentazione e ad un po’ di attività fisica.
Secondo quanto affermato dal Ministero della Salute, “un individuo che non raggiunge un picco ottimale di massa ossea durante l’infanzia e l’adolescenza, può infatti sviluppare osteoporosi senza che vi sia un’accelerata perdita ossea in età adulta e una crescita ossea sub-ottimale nelle prime fasi della vita deve così essere considerata importante tanto quanto la perdita di massa ossea che si verifica in età adulta”.
Quali sono dunque i consigli e la strategia che i genitori possono adottare per proteggere la salute delle ossa dei loro figli?
Secondo i pediatri statunitensi dell’American Academy of Pediatrics, che si trovano in pieno accordo con il nostro Ministero della Salute, il fabbisogno quotidiano di calcio non deve essere soddisfatto assumendo integratori alimentari o supplementi, ma aumentando il consumo di alimenti ricchi di questo prezioso quanto fondamentale elemento per la salute.
Se, infatti, nel primo anno di vita la fonte principale di nutrimento per il bambino è il latte materno, o quello artificiale in caso di necessità; già dal secondo anno l’assunzione di latte vaccino e i suoi derivati, come ad esempio parmigiano, grana, pecorino o yogurt da latte intero, possono contribuire efficacemente a soddisfare il fabbisogno di calcio che, specialmente nei bambini, deve essere di almeno 800-1000 mg al giorno.
Ma l’integrazione di questi alimenti non basta; è necessario al tempo stesso fare attenzione ai livelli di vitamina D, fondamentale per l’assorbimento del calcio a livello intestinale in quanto ne controlla il metabolismo mantenendone costante anche il tasso nel sangue (calcemia). Tra le fonti naturali di questa vitamina troviamo l’olio di fegato di merluzzo (1 cucchiaio), salmone e sgombro cotto, tonno sott’olio, uova, latte fortificato con vitamina D e vita all’aria aperta in quanto, a differenza delle altre vitamine, il nostro corpo è in grado di produrla anche da solo grazie all’esposizione alla luce solare.
In ultimo, aggiungono gli esperti, insieme all’alimentazione è bene eseguire anche un po’ di attività fisica :gli esercizi migliori come corsa, ballo o una camminata a buon passo di 30 minuti al giorno, sono quelli che permettono alle ossa di sopportare un po’ di peso.
A cura di Simona Forti
Fonte: Il sole 24 ore

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Italia S.r.l.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?