Per smettere di fumare senza depressione basta combattere un enzima

Tristezza e malumore sono spesso le condizioni di chi smette di fumare e questo fenomeno, secondo una ricerca canadese, dipenderebbe dall’enzima monoamina-ossidasi (Mao-A) che metabolizza le sostanze che migliorano l’umore. La depressione in molti casi si associa all’aumento dei livelli di Mao-A nalle aree del cervello dove l’enzima viene modulato; quando si smette di fumare i livelli si alzano in modo considerevole, provocando abbassamenti dell’umore che spingono a ricominciare, come accade in oltre la metà dei casi.
Secondo i ricercatori del Centre for Addiction and Menthal Health dell’University of Toronto, inibendo l’enzima Mao-A si può aiutare i tabagisti a liberarsi dalle sigarette e per questo hanno in programma ricerche per rendere disponibili farmaci che inibiscano l’enzima Mao-A, aiutando così chi ha deciso di smettere di fumare. E si sa che il fumo è fra le principali cause prevedibili di morte.
Gli studiosi canadesi hanno avuto conferma della loro ipotesi sottoponendo a Pet 24 fumatori, metà dei quali fumava più di 25 sigarette al giorno e l’altra metà fra 15 e 25.
La ricerca è stata pubblicata sulla rivista Archives of General Psychiatry.

 

Fonte: corriere.it, 2 agosto 2011

eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?