Pistacchi, noci & co: contro il tumore al pancreas e il diabete

iStock_000008196971SmallChe la frutta secca facesse bene è cosa nota da tempo: numerosi studi scientifici ne hanno evidenziato le proprietà nutrizionali e l’efficacia nella riduzione del rischio di sviluppo di  malattie cardiache,  sindrome metabolica e diabete di tipo 2. Le buone notizie, questa volta, arrivano da Harvard e riguardano la prevenzione del tumore al pancreas: una ricerca tutta americana ha dimostrato infatti che consumare almeno 2 volte alla settimana 28 grammi di frutta secca (noci, nocciole, pistacchi) riduce sensibilmente il rischio di sviluppare questa forma tumorale, indipendentemente da altri  – noti o ipotetici – fattori di rischio.

Mandorle, pistacchi & co sembrano dunque essere gli ingredienti alla base di una ricetta – tutta al femminile – contro il tumore al pancreas. Lo studio – pubblicato sul British Journal of Cancer –  ha coinvolto più di 75.000 donne il cui consumo quotidiano di frutta secca è stato valutato a inizio studio e a intervalli regolari di 2 o 4 anni. L’elaborazione dei risultati raccolti  ha dimostrato come una dieta che prevedesse un moderato e costante consumo di frutta secca su base quotidiana fosse alla base di un minor rischio di sviluppo di diabete mellito, uno dei principali fattori di rischio per il tumore al pancreas.

Ma i benefici della frutta secca non finiscono qui. Un altro studio – questa volta condotto dalla Diabetes Foundation of India (DFI) e della National Diabetes, Obesity and Cholesterol Foundation – si è concentrato sui pistacchi: «Sulla base di questo studio, possiamo dire che i pistacchi forniscono un’opzione eccellente per uno spuntino – ha spiegato la dott.ssa Seema Gulati  responsabile dello studio– soprattutto per i soggetti a rischio di problemi metabolici e diabete. [I pistacchi] offrono effetti benefici in due modi: uno, trasferendo l’energia da altre fonti malsane, e in secondo luogo grazie alle loro proprietà nutrizionali intrinseche».

Mandorle, noci e soprattutto i pistacchi  infatti sono alimenti a basso Indice Glicemico (o IG), sono privi di colesterolo, e sono ricchi di proteine, fibre e antiossidanti: se consumati con moderazione, sono quindi ideali per chi ha problemi di peso, diabete e altre malattie come quelle cardiovascolari.

12 novembre, sole24ore.it

14 novembre Lastampa.it

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?