Prolungare l’allattamento può aumentare il rischio di rachitismo nel bambino

Prolungare l’allattamento può aumentare il rischio di rachitismo nel bambinoUn allattamento prolungato al seno, senza un ausilio di vitamina D, potrebbe aumentare il rischio di rachitismo, con maggiori probabilità di frattura alle ossa e bassi livelli di calcio nel sangue.
È quanto ha evidenziato uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Toronto in Canada, e pubblicato online sulla rivista American Journal of Public Health.
Dei circa 2500 bambini canadesi sani esaminati, di età compresa tra 1 e 5 anni, stato valutato il periodo di allattamento e i relativi livelli di vitamina D nel sangue. A seguito dell’analisi è emerso che:

  • all’aumentare del periodo di allattamento, diminuivano i valori di vitamina D nel sangue dei bambini che non assumevano integratori;
  • per ogni mese in più di allattamento al seno, la probabilità che i livelli di vitamina D diminuissero, aumentava del 6%.

Sulla base di questi risultati gli esperti hanno predetto che il 16% dei bambini di 2 anni allattati al seno e che non ricevono vitamina D potrebbe avere seri problemi; mentre dall’età di 3 anni, la percentuale a rischio salirebbe addirittura al 29%. Nei bambini che invece assumevano integratori di vitamina D, la durata dell’allattamento non costituisce un fattore di rischio in più.
“Il rischio di soffrire di rachitismo e di convulsioni può essere serio, ma con un opportuno trattamento i problemi alle ossa si risolvono man mano che il bambino cresce”, ha spiegato Jonathan Maguire, pediatra e ricercatore al St. Michael’s Hospital di Toronto, uno degli autori dello studio.
Questo può accadere perché il latte materno non fornisce abbastanza vitamina D, in particolare nei Paesi più a Nord nel mondo, ovvero più lontani dall’Equatore e quindi dalla fonte di luce solare che notoriamente stimola la produzione di tale vitamina.
Per questo motivo la Società di Pediatria canadese raccomanda l’assunzione di integratori a base di vitamina D ai bambini allattati esclusivamente al seno Consigliati integratori che contengano 400 Unità Internazionali di vitamina D, da assumere ogni giorno nel primo anno di età;
Fino a quando è opportuno allattare il bambino?
L’Oms raccomanda alle madri di allattare in modo esclusivo al seno fino al sesto mese e di continuare, quando vengono introdotti i cibi solidi, massimo fino al primo o secondo anno di età.
A cura di Simona Forti
Fonte: PubMed

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?