Rischio cardiovascolare: diminuisce in estate ma torna in inverno

I fattori di rischio cardiovascolare, come colesterolo e pressione alta, diminuiscono in estate per poi ripresentarsi, e aumentare, di inverno.

Il rischio cardiovascolare aumenta nella stagione fredda - EsseredonnaonlineÈ quanto asserisce uno studio condotto dall’università di Losanna e presentato al meeting della European Society of Cardiology ad Amsterdam. I ricercatori hanno preso in esame i valori dei principali fattori di rischio di più di 107mila persone comprese tra i 35 e gli 80 anni di età, di 7 paesi diversi tra cui anche l’Italia.

Hanno scoperto che questi valori sono più alti di inverno, soprattutto tra gennaio e febbraio, e più bassi in estate tra giugno ed agosto.
In particolare la pressione è più alta nei mesi freddi di circa 3.5 millimetri di mercurio, un valore basso per la singola persona ma significativo su un numero cosi alto di soggetti; mentre la circonferenza della vita varia in media di un centimentro e il colestorolo totale si abbassa di 0,24.

La differenza stagionale nelle abitudini alimentari, sottolinea Pedro Marques-Vidal coordinatore dello studio, potrebbe essere la causa di questi cambiamenti: “Questo può spiegare perchè le morti per problemi cardiovascolari sono maggiorni in inverno. Nei mesi freddi le persone dovrebbero fare uno sforzo extra dal punto di vista dell’esercizio fisico e dell’alimentazione per proteggere la propria salute”.
Per confermare tali teorie, lo stesso gruppo di ricercatori, sta conducendo un altro studio su persone che vivono nell’emisfero sud del pianeta per valutare e verificare se la stessa stagionalità risulta invertita o meno.

Fonte ANSA 01/09/2013

A cura di Simona Forti

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?