Sensibilità ed empatia sono “scritte” nel nostro cervello

1 luglio 2014

Sensibilità ed empatia sono “scritte” nel nostro cervello Ti commuovi ogni volta che vai al cinema? Ti emozioni quando riguardi le foto del tuo matrimonio? Corri immediatamente in aiuto di una persona in difficoltà? Probabilmente fai parte di quel 20% della popolazione ad “alta sensibilità emotiva”: una scansione del tuo cervello potrebbe dimostrarlo.

È quanto emerge da uno studio, pubblicato su “Brain and Behavior” condotto dagli psicologi Arthur e Elain Aron della Stony Brook University.

Lo studio si basa sul concetto, ipotizzato in precedenti studi, di sensibilità dell’elaborazione sensoriale (SPS): secondo i ricercatori è possibile distinguere persone altamente sensibili (HSP) – che tendono ad elaborare più a fondo le informazioni, ad essere più reattivi agli stimoli positivi e negativi e a mostrare una maggiore consapevolezza agli stimoli sottili – e persone che rispondono agli stimoli ambientali, sociali ed emotivi in maniera meno intensa.

Il nuovo studio si è avvalso della risonanza magnetica funzionale (fMRI) per mostrare nella concretezza fisiologica che il cervello delle persone altamente sensibili risponde in maniera più intensa alle immagini emozionali, sul piano dell’attivazione cerebrale.

Sono state analizzate con fMRI le scansioni cerebrali di 18 individui sposati, alcuni con elevati SPS e altri con SPS bassa, effettuate mentre guardavano foto di persone sorridenti e tristi. Un gruppo di queste foto includeva volti di estranei mentre l’altro comprendeva le foto dei rispettivi coniugi.

“Abbiamo scoperto che nelle persone altamente sensibili le aree del cervello coinvolte nella consapevolezza e nell’emozione, in particolare quelle associate con i sentimenti empatici, mostravano un flusso del sangue sostanzialmente maggiore in aree cerebrali rilevanti rispetto a quanto osservato nelle persone caratterizzate da una bassa sensibilità”, ha spiegato Arthur Aron, coautore dello studio. Soprattutto mentre guardavano le immagini dei loro partner felici, l’attività cerebrale degli HSP era particolarmente elevata; anche a distanza di un anno, analizzando nuove scansioni ottenute con le stesse modalità, i risultati sono stati gli stessi: le aree del cervello che indicano una maggiore attività sono quelle che comprendono sezioni note come “sistema di neuroni-specchio”, ovvero aree fortemente associate con quelle della risposta empatica, la consapevolezza, l’elaborazione delle informazioni sensoriali e la pianificazione delle azioni.

“Questa – ha commentato Arthur Aron – è la prova fisica all’interno del cervello che gli individui altamente sensibili rispondono in modo particolarmente deciso alle situazioni sociali che scatenano emozioni”.

Puoi scoprire se sei una persona altamente sensibile, con il test elaborato dai ricercatori http://www.hsperson.com/pages/test.htm

Fonte Science Daily

A cura di Simona Forti

Pinterest

  

Tags: ,

17606
Thanks!
An error occurred!
Vota questo articolo

 

Print

Email
Print