Cuore: normopeso non vuol dire sano

Le persone normopeso sedentarie corrono lo stesso rischio cardiovascolare di chi è in sovrappeso: lo dimostra uno studio condotto dall’Università della Florida e pubblicato sull’American Journal of Cardiology.

 

Essere normopeso non basta per evitare il rischio cardiovascolare

È considerata normopeso la persona con indice di massa corporea (BMIcompresa tra 18,5 e 24,9. Ma rientrare in questa categoria non significa necessariamente essere sani: chi è normopeso, ma con uno stile di vita sedentario, si espone allo stesso rischio cardiovascolare di chi è in sovrappeso.
Lo dimostra uno studio condotto dall’Università della Florida, che ha coinvolto partecipanti con un’età compresa tra i 40 e i 79 anni senza una precedente diagnosi di malattia coronaricaictus o infarto.

Dalle ricerche è emerso che il rischio di eventi cardiaci gravi nei soggetti normopeso pigri e sedentari non è significativamente diverso rispetto a quello delle persone sovrappeso. Al contrario, coloro che dedicavano almeno 150 minuti a settimana a un’attività fisica moderata, vedevano il loro rischio di infarto o ictus ridotto del 58% rispetto alle persone sovrappeso.

Come sottolinea l’autore principale dello studio, Arch Mainous, “essere normopeso non è sufficiente per essere sani”. Infatti, “uno stile di vita sedentario può erodere il vantaggio di un peso sano e aumentare il rischio cardiovascolare, avvicinandolo a quello delle controparti in sovrappeso. Le persone sedentarie – specialmente nella mezza età e dopo – perdono massa muscolare magra e capacità cardiorespiratoria”.

 

Cuore: l’importanza dell’attività fisica

I risultati della ricerca dimostrano l’importanza di mantenersi attivi anche in presenza di un indice di massa di corporea corretto.
Dunque, la salute non dipende soltanto dal peso che compare sulla bilancia: ciò che conta realmente è cercare di ridurre la sedentarietà e aumentare l’attività fisica, soprattutto per le persone che hanno un lavoro sedentario.

Secondo le nuove Linee Guida USA contro la sedentarietà, un adulto dovrebbe dedicarsi per almeno 150 minuti a settimana ad attività fisica di intensità moderata per vedere dei benefici sulla salute. Questo non significa soltanto praticare sport, andare in palestra o correre all’aria aperta. L’attività fisica è per tutti e può essere svolta in qualsiasi momento della giornata: piccoli accorgimenti come salire le scale, parcheggiare l’auto più lontano, fare delle brevi passeggiate nel corso della giornata, spostarsi in bicicletta piuttosto che in autobus, possono aiutare ad attenuare alcuni rischi associati al comportamento sedentario.

 

Muoviti di più e mangia sano, il tuo cuore ti ringrazierà!

 

 

Reference
Arch G. Mainous III, Rebecca J. Tanner et al – Effect of Sedentary Lifestyle on Cardiovascular Disease Risk Among Healthy Adults With Body Mass Indexes 18.5 to 29.9 kg/m2. The American Journal of Cardiology, December 3, 2018

 

 

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?