Dolore pelvico cronico: la cura parte dall’informazione

Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, lancia una campagna di sensibilizzazione sul dolore pelvico cronico, una malattia spesso sottovalutata ma che interessa 1 donna su 3.

 

L’indagine di Onda sul dolore pelvico cronico

L’indagine promossa da Onda, che ha coinvolto 600 donne di età compresa tra i 18 e i 55 anni, ha lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sull’argomento e diffondere informazioni utili alla donna e al medico, in modo da agevolare la diagnosi della malattia.

Dai dati raccolti, infatti, emerge che 1 donna su 3 dichiara di soffrire di dolore pelvico, ma solo 1 su 10 ha ricevuto una diagnosi da una figura medica.

Come sottolinea Francesca Merzagora, Presidente di Onda, “persiste ancora oggi un gap culturale legato al dolore che fa sì che questo sia sottovalutato e sottratto: è ancora considerato quasi normale o fisiologico che una donna provi dolore a causa di un problema ginecologico. Il mancato riconoscimento sociale del dolore cronico come patologia vera e propria, grave e invalidante è responsabile di un ulteriore aggravio del vissuto delle pazienti”.

Il dolore pelvico cronico, infatti, ha un impatto notevole sulla qualità della vita della donna che ne soffre: l’indagine evidenzia che il 22% delle donne dichiara di sentirsi a disagio, il 20% è nervosa, il 13% è frustrata, mentre il 9% si dichiara addirittura esausta.

Questi numeri confermano che si tratta di una patologia ancora sottovalutata, sia dal partner sia dal ginecologo, a tal punto che le pazienti dichiarano di non essere sempre credute in merito alla veridicità e intensità del dolore.

Spesso, però, anche chi ne soffre sottovaluta la malattia1 donna su 5 non si reca dal medico alla comparsa dei primi sintomi.

 

L’informazione: il primo step per una terapia efficace

“Il progetto di Onda sul dolore pelvico cronicoha l’obiettivo di sensibilizzare le pazienti su questa malattia”, sottolinea ulteriormente Francesca Merzagora, “e di dare loro alcuni strumenti utili a comunicare in modo efficace con il medico per migliorare una relazione che spesso è complessa a causa della difficoltà di descrivere intensità e qualità del dolore”.

Infatti, i dati raccolti dimostrano che la popolazione femminile è fortemente disinformata sull’argomento: nonostante l’85% delle donne abbia sentito parlare di dolore al pavimento pelvicoben 4 su 5 ritengono di non essere adeguatamente informate e più della metà di esse desidera maggiori informazioni. La maggior parte delle intervistate vorrebbe ricevere notizie sulla malattia attraverso i canali medici istituzionali, ma una buona percentuale si affiderebbe ai media (stampa, TV), a Internet e a materiali informativi come opuscoli o libri.

Per questi motivi, il progetto di Onda si propone di rispondere a questa esigenza che riguarda non solo le pazienti, ma anche i medici.

Come evidenzia il dr. Filippo Murina, Responsabile del Servizio di Patologia del Tratto Genitale Inferiore, Ospedale V. Buzzi – Università degli Studi di Milano, “la sindrome da dolore pelvico cronico oggi si può curare in modo efficace con numerosi approcci terapeutici. Fondamentale è porre una corretta e tempestiva diagnosi di una condizione che se apparentemente non presenta elementi visibili, può essere facilmente diagnosticata con un accurato e mirato esame clinico che consideri l’esistenza del problema”.

 

Dal momento che il dolore pelvico è una problematica che può dipendere da molti fattori, non sempre relativi esclusivamente alla sfera ginecologica, è necessaria una diagnosi differenziale, che deriva da una progressiva esclusione delle varie cause fisiologiche.

Solo una campagna d’informazione su ampia scala, indirizzata sia alle donne che ai medici, può fornire gli strumenti giusti per una diagnosi più rapida e corretta della patologia.

 

LEGGI ANCHE

Disturbi del pavimento pelvico: una diagnosi lunga e difficile »

Come rinforzare i muscoli del pavimento pelvico »

 

Reference

Indagine Onda “Il dolore pelvico cronico: donne e ginecologi”

 

 

 

 

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Italia S.r.l.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?