Emicrania e caffeina: una relazione delicata

Emicrania e caffeina: una relazione delicataBere tre o più bevande o alimenti contenenti caffeina (caffè, tè, cioccolata, mate, guaranà, bevande tipo cola) al giorno può scatenare attacchi di emicrania il giorno stesso o quello successivo: è quanto emerge da uno studio americano effettuato su 98 adulti.

  

Emicrania e caffeina – Lo studio

L’emicrania è uno dei più comuni tipi di mal di testa; un disturbo che colpisce circa 1,04 miliardi di adulti nel mondo, soprattutto donne, con un rapporto di 5 a 1 rispetto agli uomini. L’emicrania è caratterizzata da un’elevata predisposizione familiare. Il dolore è monolaterale. L’attacco tipico, infatti, si manifesta, in modo ricorrente, con un dolore localizzato solo a destra o solo a sinistra del capo, più raramente inizia da tutti i due lati oppure si alterna da un lato all’altro in qualsiasi momento della giornata.

 

L’emicrania può essere scatenata da diversi fattori, quali l’assunzione di bevande alcoliche, stress, alterazioni del sonno, attività fisica, ciclo mestruale. Anche la caffeina, se assunta in dosi frequenti ed elevate, può influire in questo senso.

Per analizzare la relazione tra il consumo di caffeina e lo scatenamento di un attacco emicrania, i ricercatori dell’Harvard University hanno effettuato uno studio su 98 adulti soggetti a emicrania episodica: ai partecipanti è stato chiesto di compilare un diario elettronico che tenesse traccia del consumo di caffeina, nonché del timing e delle caratteristiche dell’attacco episodico, in modo da analizzare l’incidenza degli attacchi di emicrania per ogni partecipante nei giorni in cui avevano assunto caffeina, rispetto ai giorni di non consumo.

 

I risultati dello studio 

Dai dati raccolti è emerso che ogni soggetto presentava una media di 5 attacchi al mese. Il 66% dei partecipanti consumava abitualmente 1-2 bevande con caffeina al giorno, mentre il 12% tre o più al giorno.

Nelle sei settimane dello studio, la media degli attacchi di emicrania registrata sale a 8,4, con un’assunzione media riferita dai partecipanti di 7,9 bevande con caffeina a settimana.

Come sostiene Elizabeth Mostofsky, una delle autrici dello studio, è stato dimostrato che “il consumo di una o due bevande contenenti caffeina al giorno non si associa alla comparsa di un attacco di emicrania; tuttavia, se si supera la soglia delle tre bevande, aumentano le possibilità di un attacco”.

Questo dato è molto interessante, in quanto basato su uno studio che, secondo gli esperti, può considerarsi unico per la durata della raccolta delle informazioni, ben 6 settimane, e per le informazioni dettagliate raccolte su caffeina, emicrania ed altri fattori di interesse quotidiano.

 

 

 

LEGGI ANCHE

Emicrania: prevalenza nelle donne »

Emicrania: prevalenza al femminile (INFOGRAFICA) »

Un caffè al giorno toglie il medico di torno? »

 

 

Reference

Elizabeth Mostofsky, Murray A. Mittleman et al – Prospective Cohort Study of Caffeinated Beverage Intake as a Potential Trigger of Headaches among Migraineurs. The American Journal of Medicine. August 8, 2019.

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Italia S.r.l.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?