Il contatto con la natura migliora il benessere psico-fisico

Il contatto con la natura migliora il benessere psico-fisicoTrascorrere almeno due ore a settimana a contatto con la natura migliora il benessere psico-fisico: lo dimostra uno studio inglese che sottolinea l’importanza di stare all’aria aperta, rilassandosi o praticando attività fisica, come lo yoga.

 

Benessere psico-fisico e natura: lo studio

In uno studio condotto da White e colleghi dello European Centre for Environment and Human Health presso la University of Exeter Medical School sono state analizzate 19.800 risposte fornite dal 2014 al 2016 a un’indagine del governo britannico in cui si valutava il “coinvolgimento nell’ambiente naturale” in un campione di residenti in Inghilterra, rappresentativo dell’intera nazione.

Ai partecipanti sono state poste domande relative al proprio rapporto con la natura (in termini di tempo trascorso all’aria aperta in parchi, spiagge, colline, ecc.) e allo stato di salute e soddisfazione personale.

Dai dati raccolti è emerso che le persone che avevano trascorso due ore nella natura la settimana precedente, avevano il 23% delle probabilità in più di segnalare un grande benessere e il 59% di probabilità in più di riferire di essere in buona salute, rispetto a quelle che non avevano avuto contatti con la natura.

I ricercatori hanno anche sottolineato come i partecipanti allo studio provenissero da realtà differenti: sono stati coinvolti “tanti gruppi sociali diversi, tra cui anziani e giovani, persone di sesso maschile e femminile, ricchi e poveri. L’aspetto più sorprendente è stato constatare la presenza dello stesso pattern anche in persone con malattie di lungo corso o disabilità. Tutti traggono beneficio dal contatto con la natura”.

Inoltre, si è evidenziato che all’aumentare del tempo passato all’aria aperta, aumentava anche il benessere psico-fisico, a dimostrazione del fatto che il contatto con la natura è un vero e proprio toccasana per il corpo e per la mente.

 

Attività fisica all’aria aperta: lo yoga

Tra le varie attività che è possibile praticare all’aria aperta, adatte anche ai bambini e alle donne in gravidanza, lo yoga riceve sempre più adesioni: a oggi si contano tra i 200 e i 300 milioni di appassionati in tutto il mondo, di cui 2 milioni e mezzo in Italia.

Alla base del successo di questa disciplina c’è la capacità dello yoga di lavorare sul benessere psico-fisico della persona, soprattutto se praticato all’aperto. Come sostiene il maestro di yoga Max Grossi fare pratica nella natura è la massima esperienza di integrazione tra l’individuo e quello che lo circonda”.

È fondamentale, però, scegliere correttamente i luoghi in cui praticare lo yoga per trarre il massimo beneficio: “bisogna cercare posti che non siano solo belli ma anche lontani dall’inquinamento acustico e da quello atmosferico e che non abbiano barriere visive: più sono aperti più aiutano a scambiare energia vitale (prana)”, spiega il maestro.

Lo scenario ideale risulta essere una distesa di sabbia di fronte al mare, senza scogliere, con lo sguardo che si perde all’orizzonte. E questo rende lo yoga l’attività fisica perfetta per l’estate, poiché, lavorando sul corpo e sulla mente, è in grado di trasmettere una carica energetica che va poi coltivata tutto l’anno.

 

Attività fisica all’aria aperta: la camminata

Anche delle semplici camminate, ancora meglio se immersi nella natura, possono dare grandi benefici.

Uno studio inglese ha dimostrato che contare i passi con un pedometro può essere uno stimolo importante per mantenersi più attivi e in salute: “Camminare di più e mantenere questa abitudine può ridurre il rischio di attacchi cardiaci, ictus e fratture negli anni a venire”, commenta Tess Harris, uno dei ricercatori. “I contapassi possono essere utili per i pazienti perché forniscono loro un’idea chiara di quanto stanno facendo e possono essere usati per porsi obiettivi realistici per aumentare gradualmente la camminata“.

 

LEGGI ANCHE

Fitness in spiaggia »

Yoga: istruzioni per l’uso »

Yoga, 5 errori da non commettere »

 

 

References

– Mathew P. White, Ian Alcock – et al. Spending at least 120 minutes a week in nature is associated with good health and wellbeing. Scientific Reports, Published 13 June 2019.

– Salute, Settimanale allegato a La Repubblica n°1060, 30 luglio 2019

– Danhauer SC, Addington EL, et al – Yoga for symptom management in oncology: A review of the evidence base and future directions for research. Cancer 2019 Jun 15;125(12):1979-1989

– Liu N, Gou WH, et al – Effects of exercise on pregnant women’s quality of life: A systematic review. Eur J Obstet Gynecol Reprod Biol 2019 Mar 26

– Jayawardena R, Ranasinghe P, et al – The benefits of yoga practice compared to physical exercise in the management of type 2 Diabetes Mellitus: A systematic review and meta-analysis. Diabetes Metab Syndr 2018 Sep;12(5):795-805

– Nanthakumar C – The benefits of yoga in children. J Integr Med 2018 Jan;16(1):14-19

– Pullen PR, Seffens WS, Thompson WR – Yoga for Heart Failure: A Review and Future Research. Int J Yoga 2018 May-Aug;11(2):91-98

– Govindaraj R, Karmani S, et al – Yoga and physical exercise – a review and comparison. Int Rev Psychiatry 2016 Jun;28(3):242-53

– Brown RP, Gerbarg PL – Yoga breathing, meditation, and longevity. Ann N Y Acad Sci 2009 Aug;1172:54-62

– Tess Harris, Elizabeth S. Limb, et al – Effect of pedometer-based walking interventions on long-term health outcomes: Prospective 4-year follow-up of two randomised controlled trials using routine primary care data. Plos Medicine, Published June 25, 2019

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Italia S.r.l.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?