Il morbillo cancella la memoria del sistema immunitario

Il morbillo cancella la memoria del sistema immunitarioIl morbillo è una malattia infettiva molto contagiosa in grado di cancellare la memoria del sistema immunitario dell’organismo, che avrà una capacità limitata di combattere nuove infezioni: lo dimostrano due studi pubblicati rispettivamente sulle prestigiose riviste scientifiche Science e Science Immunology. Fondamentale prevenire il contagio attraverso la vaccinazione.

  

Il morbillo

Il morbillo è una malattia infettiva altamente contagiosa causata da un virus del genere morbillivirus. Si tratta di una malattia esantematica tipicamente infantile, che si trasmette per via aerea, quando l’individuo sano entra in contatto con goccioline infette diffuse nell’ambiente da colpi di tosse e starnuti.

I primi sintomi con cui si manifesta sono quelli tipici dell’influenza: febbre, tosse, naso che cola, starnuti, mal di gola, lacrimazione. Dopo 10-12 giorni dal contagio, compaiono su tutto il corpo le eruzioni cutanee (esantema), che si presentano sotto forma di macchioline rosse.

La vaccinazione è il metodo di prevenzione più efficace del morbillo: in Italia viene somministrato tramite iniezione sottocutanea come vaccino trivalente (MPR, abbinato a quelli per parotite (orecchioni) e rosolia) o quadrivalente (MPRV, in più quello contro la varicella). Si consiglia di somministrare la prima dosedal 13° al 15° mese di vita, per poi eseguire un richiamo a 5-6 anni.

 

Morbillo e amnesia immunologica 

Due studi pubblicati nel novembre 2019 rispettivamente su Science e Science Immunology mostrano in che modo il morbillo riporta il sistema immunitario umano a uno stato immaturo come quello di un bambino, distruggendone la memoria e riducendo notevolmente la sua capacità di combattere nuove infezioni.

I due team hanno esaminato un gruppo di persone non vaccinate nei Paesi Bassi per scoprire le conseguenze che il morbillo ha sul sistema immunitario.

Nel primo dei due studi, hanno sequenziato i geni anticorpali di 26 bambini, prima l’infezione da morbillo e poi da 40 a 50 giorni dopo, e hanno scoperto che gli anticorpi specifici che erano stati sviluppati contro altre malattie erano scomparsi dal sangue dei bambini.

I risultati del secondo studio hanno evidenziato come l’infezione da morbillo abbia distrutto tra l’11% e il 73% degli anticorpi protettivi dei bambini rendendoli vulnerabili alle infezioni da cui erano stati immunizzati in precedenza.

Come afferma una delle autrici dello studio, Velislava Petrova del Wellcome Sanger Institute della Gran Bretagna e dell’Università di Cambridge, “questa è una dimostrazione diretta nell’uomo di “amnesia immunologica”, in cui il sistema immunitario dimentica come rispondere alle infezioni incontrate in precedenza”.

Considerando i risultati degli studi, i ricercatori sottolineano l’importanza della vaccinazione come metodo più efficace di prevenzione del morbillo.

 

LEGGI ANCHE

Morbillo, rosolia e varicella: tutti i sintomi »

 

 

References

Velislava N. Petrova, Bevan Sawatsky, et al – Incomplete genetic reconstitution of B cell pools contributes to prolonged immunosuppression after measles. Science Immunology. Published on November 1, 2019

Michael J. Mina, Tomasz Kula, et al – Measles virus infection diminishes preexisting antibodies that offer protection from other pathogens. Science. Published on November 1, 2019

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Italia S.r.l.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?