Papilloma virus: aumenta la consapevolezza tra i genitori

Il nuovo Rapporto Censis sul Papilloma virus rivela che nel 2019 è aumentato il numero di genitori che conoscono questa patologia: i dati fanno ben sperare anche in una crescita dell’utilizzo di strategie di prevenzione.

 

Papilloma virus – Il Rapporto Censis

Ogni anno in Italia il Papilloma virus (HPV) causa 2.400 nuovi casi di tumore alla cervice uterina. L’HPV è l’agente responsabile non solo di questo carcinoma, ma anche di quello della vulva, della vagina, dell’ano, del pene, dell’orofaringe e di lesioni precanceroselesioni genitali esterne (condilomi).
Dall’indagine del Censis è emerso che i tumori in generale risultano tra le patologie più temute sia dai genitori sia in particolare dalle donne, ma solo il 69,3% dei genitori e il 63,8% delle donne credono che i tumori si possano prevenire. Tra le strategie di prevenzione vengono indicati prima di tutto i controlli medici e diagnostici preventivi, poi la sana alimentazione.

Dal 2017 al 2019 è aumentato del 3% il numero di persone che conoscono il Papilloma virus: la conoscenza è più diffusa tra le donne (94,8%) e tra le persone con un livello d’istruzione superiore (91,4%). Questa consapevolezza, però, rimane parziale: solo la metà dei genitori sa che l’HPV è responsabile di altri tumori oltre a quello del collo dell’utero; il 42,6% sa che il virus è responsabile dei condilomi genitali, mentre un terzo dei genitori pensa ancora che sia un virus che colpisce esclusivamente le donne.

Tra le fonti di informazione predilette tra i genitori prevalgono ancora internet (26,7%), i dépliant e le campagne informative (26,3%). Un dato positivo è sicuramente la crescita della percentuale di genitori che afferma di affidarsi ai professionisti sanitari (dal 39,1% del 2017 al 53,2% nel 2019) e al servizio vaccinale delle Asl (dal 21,8% al 25,6%).

 

Le strategie di prevenzione del Papilloma Virus

Il Pap-test è uno degli strumenti di prevenzione più conosciuto dalle donne italiane: l’87,1% afferma che il proprio ginecologo ha consigliato di sottoporsi a questo esame di screening.
Il 50,8% dei genitori conosce l’HPV-test, ma solo al 35,7% delle donne è stato consigliato di effettuarlo.

In generale, le donne si ritengono soddisfatte per le informazioni ricevute sull’HPV, le modalità di trasmissione e i rischi conseguenti. Il 58,9% di loro afferma di essere stato sensibilizzato sull’importanza di trattare l’infezione da HPV a scopo preventivo, in quanto può causare il tumore al collo dell’utero.

 

 

LEGGI ANCHE

– Salute sessuale e riproduttiva: l’indagine tra giovani e adulti »

– Infezione da HPV e tumore al collo dell’utero. Non rinunciare alla prevenzione! »

– Attente a quei virus! »

– Papilloma virus al maschile »

 

References

Sanità: i tumori sono le malattie più temute dagli italiani, ma si può fare di più con la prevenzione.

– Ko ai tumori da Papilloma virus. 
Paure, atteggiamenti e strategie di prevenzione
Sala Zuccari – Palazzo Giustiniani – Senato della Repubblica – Via della Dogana Vecchia, 29 – Roma
Programma  www.censis.it/programma
Video  www.youtube.com/ko-tumori-papilloma-virus

 

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Spa

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?