Tumore ovarico: le parole che vorrei

ACTO – Alleanza Contro il Tumore Ovarico – lancia la campagna “Le parole che vorrei” per sottolineare l’importanza dell’utilizzo delle parole giuste al fine di migliorare la convivenza delle donne con il tumore ovarico.

 

La lotta al tumore ovarico comincia dalle parole

ACTO Onlus crede che la scelta delle parole giuste possa dare un aiuto concreto alla donna per affrontare la malattia. Per capire come è meglio rivolgersi alle donne con tumore ovarico (carcinoma dell’ovaio), ACTO ha lanciato su Facebook e sul sito www.acto.it la campagna “Le parole che vorrei”, allo scopo di interpellare le dirette interessate.

“La campagna – spiega Nicoletta Cerana, presidente di ACTO Onlus – nasce proprio dall’esigenza delle donne di raccontarsi e raccontare la loro malattia con parole diverse dal passato. Quando ACTO è nata nel 2010, solo 8 donne su 10 sapevano dell’esistenza di questa malattia. In tutti questi anni abbiamo raccontato la malattia con le parole della realtà, che a volte erano anche ‘brutali’. Ma oggi la realtà, quella della diagnosi e delle terapie, è molto diversa e anche le parole con le quali parliamo di tumore dell’ovaio devono adeguarsi, devono cambiare. Il tumore dell’ovaio oggi non è più una sfida tra la vita e la morte, ma una sfida di convivenza.”

Condividere la propria esperienza è fondamentale: spesso le persone si vergognano di dire che hanno un tumore, hanno paura di non essere accettate o di sentirsi diverse rispetto agli altri. Per questo motivo è fondamentale che la donna condivida la propria esperienza, perché sappia di non essere sola ad affrontare la malattia.

 

“Le parole che vorrei” – I risultati della campagna ACTO

I risultati della campagna “Le parole che vorrei” sono stati notevoli: parliamo di 1,5 milioni di persone raggiunte in rete, che hanno generato 100 mila visualizzazioni e 50 mila interazioni. Sono state tantissime, infatti, le persone che hanno preso parte all’iniziativa contribuendo con i loro suggerimenti e permettendo di stilare una lista con i 5 consigli utili su come rivolgersi alle donne con tumore ovarico:

1. Le parole giuste sono le parole in cui si crede e in cui credere. La sincerità ripaga, sempre.
2. Le parole giuste sono le parole d’amore. Esprimete tutto il vostro affetto.
3. Le parole giuste sono quelle senza giri di parole. Proponete soluzioni concrete.
4. Le parole giuste possono non essere parole, ma semplici gesti. Se non si sa cosa dire, è bene fare!
5. Le parole giuste sono quelle che vi auguriamo di ascoltare. La speranza genera speranza.

In definitiva, la solidarietà e la sensibilità umana non devono mai mancare: parole sincere, d’amore, di speranza e piccoli gesti possono fare la differenza e aiutare la donna ad affrontare la malattia e ad imparare a convivere con essa.

 

Il delicato rapporto medico-paziente

Per passare dalla teoria alla pratica, è necessario che questi consigli vengano seguiti da tutte le persone vicine alla donna con tumore dell’ovaio, a partire dal medico curante. Lo confermano le parole del Dott. Sandro Pignata, Responsabile del Dipartimento di Uro-ginecologia, Istituto dei Tumori IRCCS – Fondazione Pascale, Napoli: “credo molto nell’alleanza tra medico e paziente – e uno dei modi migliori per consolidarla è quello di non togliere mai la speranza a una paziente. Anche quando le statistiche possono sembrare sfavorevoli, bisogna sempre ricordare che queste sono fatte di numeri e di deviazioni standard, e che dentro le deviazioni standard ci sono le persone, le donne guarite.”

Se è vero che la medicina è fatta di numeri e statistiche, è altrettanto vero che medici e pazienti sono fatti di carne e ossa, ma soprattutto di un cuore. L’empatia è una dote che non si insegna a scuola, ma che impariamo nella vita di tutti i giorni: metterla in pratica, utilizzando le parole giuste, può essere decisivo nella cura di una malattia tanto delicata come quella del tumore ovarico.

 

Per visualizzare il video della campagna “Le parole che vorrei”, clicca qui.

 

LEGGI ANCHE
Tumore ovarico, un nemico silenzioso »

 

PER SAPERNE DI PIÚ SUL TUMORE DELL’OVAIO
Il tumore dell’ovaio »

Tags:
eD Promotion: i Prodotti di Mylan Italia S.r.l.

Entra con le tue credenziali

Ha dimenticato i dettagli?